L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Secondi piatti

CACIO CAVALLO ALL’ARGENTIERA

12 Aprile 2016 - Visite (2173)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Bassa
  • Costo
    Basso
  • Porzioni
    2
  • Cottura
  • Preparazione

Questa è un' antica ricetta palermitana che ha  al centro l’odore, “u ciavuru”. C’è un’antica leggenda che narra che nel quartiere di Palermo dell’Argenteria, dove si concentravano diversi artigiani che lavoravano l’argento, uno di questi fosse caduto in povertà, fu per questo o semplicemente per suscitare l’invidia del quartiere che sperimentò una “ricetta ingannatrice”. Come si sa, nei paesi o nei quartieri il giudizio dei vicini conta molto e anche gli odori emanati dalle cucine possono essere rivelatori dello status economico di una famiglia: quante volte la settimana mangiano la carne, quante il pesce? Poi le voci girano come il vento e come gli odori. Quindi, come facevano alcune famiglie che arrostivano alla brace il pane duro per far sentire il profumo di arrosto, quell’argentiere, probabilmente reinventò una tipica ricetta a base di coniglio fritto in padella e sfumato con l’aceto, usando un prodotto più povero: il famoso caciocavallo. Il profumo che fuoriusciva dalle persiane era simile a quello del coniglio e da qui nacque la ricetta del “coniglio o caciocavallo all’argentiera”.

 

Il Caciocavallo è un formaggio di latte vaccino prodotto da vacche di razza autoctona soprattutto la famosa vacca cinisara, che si alimenta pascolando tra le colline. E’ un formaggio gustosissimo e piccante, quando è fresco è oleoso e fragrante e prende il suo particolare nome da una delle fasi di preparazione: quando viene messo “a cavallo” di una pertica di legno per scolare; solo successivamente gli sarà data la sua forma caratteristica di parallelepipedo.

INGREDIENTI

1 fetta Cacio cavallo
1 spicchio Aglio
3 cucchiaio Olio extravergine d'oliva
2 cucchiaio Aceto bianco
1 pizzico Origano
1 cucchiaino Zucchero

PROCEDIMENTO

In una padella far scaldare l’aglio pulito e affettato, con un po’ d’olio. Aggiungere il caciocavallo tagliato a rettangoli (da una fetta ho ricavato quattro parti). Quando prenderà colore, girarlo dal verso opposto e poco dopo aggiungere due cucchiai d’aceto (io ho aggiunto un cucchiaino di zucchero,ma è facoltativo). Fare sfumare l’aceto e spolverare con origano. Dopo qualche minuto servirlo in tavola con il suo sughetto e mangiarlo quando è caldo e morbido.

CaciocavalloCaciocavallo all'argentiera

CONSIGLI DELLO CHEF

Aprire le finestre per far fuoriuscire il profumo che emana da questo piatto!

Food blogger

Evelin Costa
Mi chiamo Evelin e sono nata nel 1976 a Palermo. Sono blogger dal 2008, nel mio blog www.agavepalermo.com scrivo di tradizioni e storia della gastronomia siciliana. Collaboro con alcuni siti e giornali online, scrivo regolarmente per la rubrica di cucina siciliana A Favorire su cinisionline. Dipingo e scrivo di arte. Organizzo, curo e promuovo eventi culturali. La cucina è una grande passione, soprattutto amo scrivere il racconto dei piatti tradizionali, ma anche cucinare seguendo le ricette di famiglia a partire da quelle di mio nonno che era fornaio, di mia nonna e mia madre, ogni tanto mi piace anche inventare piatti miei.

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Ricette correlate

GATTÒ DI PATATE ALLA PALERMITANA

Il gattò di patate  dal francese gateau( pronuncia gatò) ci ricorda l’influenza francese nella cucina siciliana. Nel seicento, non c’era casa aristocratica palermitana che…
Melanzane ripiene light

MELANZANE RIPIENE LIGHT

Quando arriva l'estate amo preparare le verdure ripiene, che siano melanzane pomodoro o peperoni . Un piatto leggero e fresco, si puo mangiare come…

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano