L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Antipasti

CASATIELLO

27 Aprile 2017 - Visite (178)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Bassa
  • Costo
    Medio
  • Porzioni
    12
  • Cottura
  • Preparazione

La mia cucina spazia in lungo e in largo ma con la cucina napoletana ho sempre avuto un rapporto particolare,  non soltanto per legami di sangue ma anche perchè, la tradizione culinaria campana è, per ragioni storiche, affine alla tradizione culinaria siciliana.

Ho preparato il casatiello per esaudire il desiderio di una delle mie figlie, che spesso mangiava questo rustico quando si trovava in Campania, tempo fa.  Ho cercato di ricreare stesse consistenze e stessi profumi.

INGREDIENTI

600 gr Farina 00
90 gr Strutto
8 gr Lievito di birra secco
300 gr Acqua
1 cucchiaino Miele
15 gr Sale
50 gr Grana padano grattugiato
50 gr Pecorino grattugiato
400 gr Salumi misti
6 Uova
150 gr Provola
q.b. Pepe nero

PROCEDIMENTO

All'interno di una planetaria, uniamo la farina passata a setaccio, il lievito di birra disidratato, lo strutto (solo 80 gr) e il miele.

Riscaldiamo leggermente l'acqua e facciamo sciogliere il sale. Azioniamo  la planetaria e versiamo a filo l’acqua col sale, quindi impastiamo fino ad ottenere un composto liscio e non appiccicoso.  Trasferiamo l’impasto ottenuto su un piano di lavoro adatto, ben oliato. Lavoriamo l'impasto con le mani per qualche minuto e riponiamolo all'interno di una capiente ciotola.

Lievitazione pasta

 

Copriamo con la pellicola trasparente non troppo tesa e lasciamo lievitare il composto in forno spento per 2 ore e mezza. Trasferiamo nuovamente l'impasto su un piano infarinato, stendiamolo e lavoriamolo ripiegando "a portafoglio" le estremità di destra e di sinistra verso la parte centrale. Procediamo allo stesso modo anche per l'estremità in alto e per quella in basso. Queste operazioni renderanno l'impasto più elastico. Dopodichè, con l'ausilio del Mattarello stendiamo la pasta fino ad ottenere un rettangolo.

impasto   impasto al mattarello   impasto spianato

 

Con un tagliapasta ricaviamo una strisciolina larga circa 3 cm che terremo da parte e che utilizzeremo più avanti per le decorazioni finali. In una ciotolina sbattiamo un uovo e spennelliamo bene i contorni dell’impasto.

impasto spennellato

 

Lasciando 2 cm di margine su un lato lungo dell’impasto steso, distribuiamo su tutta la superficie il pecorino, la provola, i salumi misti tagliati a tocchetti piccoli, il grana padano grattugiato e il pepe nero rigorosamente appena macinato con un Macinino per spezie

.

impasto spennellato   impasto condito

 

Arrotoliamo l’impasto su se stesso fino a formare un "salame". Sigilliamo bene le due estremità e inseriamo l'impasto all'interno del particolare Stampo a ciambella precedentemente unto con la restante parte di strutto. Spennelliamo la superficie del casatiello con l’uovo già sbattuto in precedenza, poi posizioniamo le uova fresche lungo la circonferenza. Stendiamo i ritagli di impasto posizionandoli a croce su ogni uovo, poi spennelliamo anche questi. Inforniamo in forno statico preriscaldato a 190° per circa 60 minuti. Da metà cottura se la superficie inizia a scurirsi troppo, appoggiamo sulla tortiera un foglio di carta di alluminio.

impasto arrotolato   impasto condito e arrotolato

Stampo Chiffon   Casatiello crudo

 

Trascorsi 60 minuti, tiriamo fuori dal forno il casatiello e lasciamolo raffreddare, freddo sarà ancora più buono!

Casatiello appena sfornato   Casatiello caldo   Casatiello condito

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CONSIGLI DELLO CHEF

Utilizzate sempre ingredienti e strumenti di alta qualità per realizzare le vostre ricette

Strumenti consigliati:

Food blogger

Maria Concetta Todaro
Maria Concetta Todaro è una moglie, mamma e nonna .Ho tanti hobby ma quello che mi appassiona maggiormente è cucinare,perchè credo che cosa più bella non ci sia che ritrovarsi attorno un tavolo .Stare insieme a tavola è uno dei modi migliori per socializzare, perché il pasto è una pausa dagli impegni, nella quale ci si può concentrare su quello che si mangia, ma anche sulla compagnia di chi condivide con noi questo momento:infatti, la tavola non è solo il posto dove ci si nutre ma è soprattutto un luogo di condivisione, di aggregazione e di scambio di emozioni.Seguendo questa filosofia metto tanto amore in tutto quello che preparo ,amore che si concretizza quando leggo la soddisfazione dei commensali....spero che dal mio tavolo questo amore possa giungere al vostro in una unica tavolata ideale di gusto, sapori ed emozioni.

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Ricette correlate

SARDE A BECCAFICO ALLA PALERMITANA

Le sarde a beccafico sono un secondo piatto nato in Sicilia, che all'occorrenza può trasformarsi in antipasto per un menù di pesce più elaborato…

PARMIGIANA DI CARCIOFI

Con i primi carciofi di stagione possiamo preparare questa gustosissima pietanza. Io amo molto i carciofi e li mangerei in qualsiasi modo, ma questa…

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano