L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Secondi piatti

FRITTO MISTO DI PESCE

3 Dicembre 2013
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
  • Preparazione:
  • Costo:
    Basso
  • Porzioni:
    4 persone

Il fritto misto di pesce è come un tubino nero: funziona in ogni occasione! Oggi vedremo come preparare questo piatto passepartout, ottimo tanto d'estate (quando le vacanze al mare ci invogliano a mangiare più pesce) quanto nel periodo natalizio (è un secondo piatto immancabile in ogni veglione che si rispetti!). Veloce da preparare, sfizioso da gustare: con questa portata, sbagliare è impossibile.

Seguendo i miei consigli riuscirete a servire un fritto saporito e piuttosto leggero, che risalta la bontà di totani, calamari, seppioline e triglie, gli ingredienti principali della ricetta di oggi. Una buona infarinatura, infatti, renderà croccante la parte esterna, preservando però la morbidezza interna del pesce. L'olio di semi ben caldo farà il resto!

 

INGREDIENTI

200 g di totani
200 g di calamari
200 g di seppioline
200 g di triglie
q. b. di farina di semola di grano duro

Frittura

q. b. di olio di semi di mais o arachidi
q. b. di sale
q. b. di pepe

PROCEDIMENTO

Prendete i vari tipi di pesce e lavateli con abbondante acqua fresca. Asciugateli con cura servendovi della comune carta assorbente usata in cucina. Se i totani sono interi e volete friggerli ad anellini, tagliate le sacche seguendo il verso dei loro anelli con un coltello ben affilato.

Versate abbondante olio di semi in una pentola molto capiente (o, meglio ancora, in una friggitrice); l'olio dovrà essere bollente e arrivare a una temperatura di circa 175° C. Per misurare la temperatura dell'olio esistono termometri specifici. Versate della farina di semola in una ciotola e infarinate i pesci, poi friggeteli nell'olio, che ormai avrà raggiunto la temperatura desiderata. È importante che quest'ultima sia costante e non subisca innalzamenti o abbassamenti improvvisi (ad esempio, immergere troppo pesce per volta fa abbassare la temperatura dell'olio). Passati 2-3 minuti avrete ottenuto dei pesci dorati e croccanti, che dovrete scolare per bene, servendovi di una schiumarola, e poggiare su carta assorbente, così da eliminare l'olio in eccesso e non rendere il piatto troppo pesante.

Salate e pepate il fritto subito dopo la cottura; servite con fette o succo di limone.

Food blogger

Francesca Iodice
Francesca è una laureanda in Lettere di ventun anni che ha sempre avuto una certa affinità col cibo… Più con quello già pronto che con quello da cucinare! Ma, tra una sessione d’esami e l’altra, ha trovato nei fornelli un gratificante rifugio in cui poter scaricare la tensione. Va matta per il cioccolato e per la frutta di ogni stagione; ama realizzare biscotti, crostate, torte e dessert per addolcire le sue giornate e quelle di chi le sta intorno. Non di rado cucina primi e secondi piatti sfiziosi: pietanze gustose, ma alla portata di tutti!
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricette correlate

POLPETTINE DI SARDE IN AGRODOLCE.

Una ricetta della tradizione siciliana, tipica del palermitano. Versatile, in quanto può essere presentata ai commensali come antipasto o come secondo. Il peso del…

Prodotti in evidenza

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano