L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Cocktail

APEROL SPRITZ

9 Giugno 2016 - Visite (1704)

Condividi con:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
  • Difficoltà
    Bassa
  • Costo
    Basso
  • Porzioni
    1
  • Preparazione

Ciao a tutti gli amici di Cuor di cucina. In questo secondo articolo dedicato ai cocktail’s ed alla miscelazione, voglio parlavi di un aperitivo ormai diventato un rituale tutto italiano: lo Spritz.
La parola spritz deriva dal tedesco (spritzen) e significa letteralmente “spruzzare”, questo perché anticamente, per smorzare l’alta gradazione alcolica dei vini veneti, si era solito aggiungere uno spruzzo di seltz all’interno di essi, costruendo così una bevanda sia alcolica che effervescente. Successivamente, agli inizi del ventesimo secolo, i fratelli Barbieri lanciano sul mercato un prodotto alcolico dolciastro ma bitterato a cui viene dato il nome di “Aperol”. Negli anni cinquanta l’Aperol elabora la sua fortuna inserendosi all’interno della ricetta ufficiale dello Spritz, dando così origine a quello che ancora oggi viene chiamato Aperol spritz. In realtà non tutti sanno che uno spritz non è necessariamente Aperol.

Guardiamoci sempre bene dall’ordinare uno spritz senza indicarne l’elemento caratterizzante.
Per definire uno spritz cocktail sono necessari del vino frizzante (nella versione veneta) o prosecco (nella versione ufficializzata da IBA: International, bartender, association), seltz/soda e “bitter”.
Nel mondo della miscelazione esistono svariati tipi di “spritz cocktail’s” e per fare qualche esempio ne citerò alcuni dei più famosi:

  • Campari spritz
  • Cinar spritz
  • Bianco sarti spritz
  • Select spritz

Grazie alle erbe aromatiche contenute nei suoi bitter ed alla sua effervescenza, lo spritz è un ottimo aperitivo in quanto, grazie alle proprietà eupeptiche delle erbe contenute nei bitter (o amari), stimola i riflessi nervosi responsabili dell’aumento della secrezione gastrica, favorendo così l’appetito ed agevolando i processi digestivi.

INGREDIENTI

4 cl Aperol
6 cl Prosecco
Top di soda water

PROCEDIMENTO

La preparazione è così semplice da non richiedere l’intervento di un esperto miscelatore per poterne replicare il gusto. Esso è un cocktail che va costruito direttamente sul calice da vino bianco:

All’interno di un bicchiere, preferibilmente già freddato, aggiungere 4 cl di ’Aperol o bitter e successivamente aggiungere del ghiaccio cristallino. Successivamente versare il prosecco ghiacciato delicatamente in modo da preservare il carbonico (Anidride carbonico che determina la sensazione di "frizzante") contenuto al suo interno. Infine aggiungere uno spruzzo di soda/seltz ed uno spicchio di arancia fresca. Vi ricordo che il livello del liquido non deve mai superare quello del ghiaccio, in quanto causerebbe una diluizione eccessiva che comprometterebbe sia l’originale sapore che l’effervescenza del cocktail stesso.

Spero che questo articolo vi sia stato utile, magari per stupire gli amici durante il vostro barbecue domenicale o semplicemente per gustare un cocktail fatto bene come al bar ma con la tranquillità e la comodità di casa vostra.

Ricordate di bere responsabilmente e non esagerate.
Buon Spritz a tutti.

CONSIGLI DELLO CHEF

Tenete gli ingredienti in freddo.

Quando si elaborano drink frizzanti, la temperatura dei liquidi gioco ruolo fondamentale.

Il concetto è: Più freddo, più frizzante 😉

Food blogger

Francesco Mauro
Barman e conduttore su www.cuordicucina.it
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Commenti

  1. 12 Giugno 2016

    Rosario Guddo

    Grazie per la ricetta, è scritta in modo molto chiaro, prima facevo il mischione ed era buono, ma non avevo mai pensato a stare attento a non disperdere il frizzante.

    Rispondi
  2. 13 Giugno 2016

    Francesco Mauro

    Ciao Rosario,
    Ahimè é errore assai comune quello di disperdere la maggior parte del carbonico durante il versaggio del prosecco. Noterai da subito la differenza. Un cocktail frizzante non solo favorisce la digestione ma crea un’esperienza percettivo/sensoriale positiva. Questa unita ai sapori, agli odori e perché no anche ai colori, tende a regalare un’esperienza gradevole ed un senso di soddisfazione in chi la beve. Bisogna sempre curare i dettagli per raggiungere ottimi risultati, sia in cucina che al bar. Spero di esserti stato utile.
    Un abbraccio,
    Francesco.

    Rispondi
    • 15 Giugno 2016

      Rosario Guddo

      Grazie a te, sono sicuro che continuando a leggre la tua rubrica imparerò a realizzare buoni cocktail per me e i miei amici.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricette correlate

MOJITO

Cari lettori e amici di cuor di cucina, oggi vi parlerò di uno dei cocktail’s estivi più richiesti nei bar di tutto il mondo:…

MOSKOW MULE

Ciao a tutti gli amici di cuor di cucina e ben approdati in questo nuovo articolo dedicato al buon bere. Oggi vi parlerò di…

SOUR MEDITERRANEO

Questo è un drink che mi sta molto a cuore, da qui ho appreso l’arte del miscelare "consapevole" e dell’accostamento di odori, sapori e…

AMERICANO COCKTAIL

La storia di questo Cocktail è pressoché ignota, di certo c’è che nasce intorno alla fine del 1800. Tra le tante storie molti vogliono…

DAIQUIRI

Cari amici di Cuor di Cucina oggi voglio parlarvi del Daiquiri, drink apprezzato in tutto il mondo per la sua semplicità. Si narra che…

Prodotti in evidenza

Crea la tua lista nozze

30 giorni gratuiti