L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Dolci e Desserts

BRIODORO

13 Dicembre 2017 - Visite (1349)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Media
  • Costo
    Medio
  • Porzioni
    8
  • Cottura
  • Preparazione

L'anno scorso avevo gia provato a fare il Pandoro ma non ero rimasta soddisfatta e perciò quest'anno ho ripreso la ricerca , facendo parte di vari gruppi di cucina, mi sono imbattuta nella ricetta del Briodoro fatta da Paoletta Sersante ed ho voluto provare .

Ho incominciato ad impastare apportando delle piccole modifiche , ho aggiunto degli aromi in piu' nell'emulsione. Non so se sono state quelle o no ma so che è venuto una cosa spettacolare sia in gusto che in morbidezza.

Ed ecco perché secondo me è un Briodoro che si crede un pandoro

 

INGREDIENTI

Nella ricetta sono indicati tutti gli ingredienti e le dosi :

PROCEDIMENTO

Impasto per uno stampo da 1 kg

Per il lievitino

  • gr 81 di farina forte (va bene una farina per panettone , oppure io ho preso una farina 0 manitoba della casillo)
  • gr 81 di acqua
  • gr 13-15 di lievito di birra
  • 1 cucchiaino di miele

Per l'impasto

  • gr 358 di farina forte ( la stessa che avete usato per il lievitino)
  • gr 101 di zucchero
  • 7 tuorli di uova medie
  • gr 101 di acqua
  • gr 114 di burro  ( se trovate un burro con un contenuto alto di grassi e meglio)
  • gr 5-6 di sale

Per l'emulsione

  • 1 cucchiaio abbondante di vaniglia liquida (oppure potete usare 2+1/3 di bacche di vaniglia)
  • gr 40 di cioccolato bianco
  • 1 cucchiaio di Marsala o Rum
  • gr 20 di miele di acacia
  • gr 30 di burro
  • 2 cucchiaini di aroma panettone

Per la decorazione

zucchero a velo q.b

 

Procedimento 

Vi metto gli orari che sono indicativi per  il tempo che ci vuole più o meno tra un'impasto e l'altro

ore 13.00 circa

Prepariamo l'emulsione: in un pentolino versiamo il liquore, il miele , il cioccolato a pezzi, il burro e la vaniglia e portiamo a bollore, spegniamo e copriamo. lasciamo raffreddare a temperatura ambiente.

ore 16.30 circa

Prepariamo il lievitino nella ciotola della  planetaria usando la foglia a k, sciogliamo il miele nell'acqua aggiungiamo il lievito e poi la farina. Mescoliamo per bene e quando il tutto è ben amalgamato copriamo e lasciamo lievitare fino a quando sarà bello gonfio.

ore 18 circa

Prepariamo l'impasto

Prima di incominciare prendete togliete 12 cucchiai di farina e metteteli da parte.

Versiamo l'acqua sul nostro lievitino bello gonfio , 1 cucchiaio scarso di zucchero e la farina rimanente (dopo che avrete tolto i 12 cucchiai) . accendiamo la macchina con la foglia a bassa velocità e facciamola fin quando l'impasto si "aggrappa" quasi alla foglia.

A questo punto inseriamo il primo tuorlo , 1 cucchiaio raso di zucchero e due cucchiai di farina e aspettiamo che l'impasto si aggrappi di nuovo alla foglia .

Proseguiamo con il secondo tuorlo : 1 tuorlo, 1 cucchiaio di zucchero e 2 di farina facciamo aggrappare l'impasto e prima di proseguire fermiamo la macchina e ribaltiamo il nostro impasto dentro la ciotola e facciamo ripartire .

Proseguiamo : uniamo 1 tuorlo 1 cucchiaio di zucchero e 2 cucchiai di farina facciamo aggrappare alla foglia e capovolgi l'impasto. Continuiamo così.

Inseriamo l'ultimo tuorlo, lo zucchero, tutto il sale e gradatamente tutta la farina, lasciando un cucchiaio per l'ultimo inserimento.

Capovolgiamo l'impasto

Dividiamo il burro  in tre parti e ammorbidiamolo, deve essere pastoso , inseriamo piano piano la prima parte di burro e dopo che l'impasto lo ha assorbito capovolgiamo l'impasto , inseriamo la seconda parte di burro  e dopo che sarà assorbito capovolgiamo l'impasto e inseriamo anche la terza parte e come prima alla fine capovolgiamo l'impasto.

Aggiungiamo l'emulsione (dividendola in due inserimenti) un cucchiaino alla volta facendo attenzione a non smollare l'impasto finito il primo inserimento aggiungiamo metà del cucchiaio di farina conservata e ribaltiamo l'impasto.

Inseriamo la seconda parte dell'emulsione piano piano finiamo con la farina ribaltiamo l'impasto facciamo incordare un paio di minuti .

Togliamo la foglia e montiamo il gancio facciamo incordare per bene sempre a velocità bassa.

Quando sarà ben incordato, imburriamo un ripiano e mettiamo il nostro impasto.

Facciamo riposare 30 minuti scoperto

Pirliamo l'impasto con le pieghe a U

Aspettiamo altri 30 minuti e pirliamo normalmente in modo da fare una bella palla tesa e poniamo nello stampo imburrato

Copriamo con pellicola e mettiamo in frigo fino al mattino.

Dopo circa 8 ore ( se sono di più non fa niente) tiriamo fuori dal frigo e lasciamo lievitare fin quando non supera il bordo dello stampo .

 

Quindi inforniamo a 165° gradi per circa 45 minuti .

Controllate che se la cupola diventa troppo scura copritela con della stagnola e finite la cottura.

Sfornate e lasciatelo raffreddare nello stampo .

Conservatelo in un sacchetto per alimenti ben chiuso .

Servitelo con abbondante zucchero a velo

 

 

CONSIGLI DELLO CHEF

Oppure ci sono altre due strade ;

1 Dopo le due pirlature mettiamo nello stampo e facciamo lievitare e poi inforniamo in giornata stessa, ma dovete incominciare con l'impasto la mattina presto per finire in giornata .

2 Una volta terminato l'impasto, lo mettiamo subito in frigo e al mattino lo usciamo e aspettiamo un paio d'ore e poi procediamo con le pirlature e la lievitazione.

Io ho preferito la più lunga perché con il riposo in frigo gli aromi si assorbono per bene nell'impasto.

Food blogger

MARIA LUISA DONATO
Ciao, mi chiamo Maria Luisa vivo a Torre Faro provincia di Messina, sono una mamma di tre splendite bimbe sono moglie e lavoratrice ho un negozio di pesce surgelato che mi occupa tantissimo tempo ma appena ho un pò di tempo libero mi rifugio tra i fornelli, mi rilassa e mi scarica dallo stress.

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricette correlate

CROSTATA AI FRUTTI DI BOSCO

Le crostate di frutta sono molto semplici da realizzare ed hanno un grande impatto visivo. Provate questa golosa versione con crema pasticciera alla vaniglia…

PAN D ‘ARANCIO

Classica torta siciliana, leggera ,semplice e veloce da preparare. Ottima per la colazione.

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano