L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Dolci e Desserts

CASSATA SICILIANA

16 Gennaio 2017 - Visite (1166)

Condividi con:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
  • Difficoltà
    Alta
  • Costo
    Medio
  • Porzioni
    10
  • Cottura
  • Preparazione

Fare la cassata siciliana mi ha messo sempre un pò di paura. Non sarei stata capace di riprodurre i classici e sontuosi decori barocchi che tanto la caratterizzano. Ma per una siciliana come me ed appassionata di dolci era  quantomeno doveroso provarci. Ecco che ho cercato di riprodurla in maniera molto casalinga ed ovviamente bypassando i decori con la ghiaccia reale che solo una mano esperta sa eseguire.  La mia è una versione semplice e alla portata di tutti.

INGREDIENTI

5 Uova
150 gr Farina 00
150 gr Zucchero semolato
1 Scorza di limone
1 cucchiaino Estratto di vaniglia
800 gr Ricotta di pecora
300 gr Zucchero semolato
150 gr Gocce di cioccolato
300 gr Pasta di mandorle
1 cucchiaino Pasta di pistacchi
q.b. Frutta candita mista

PROCEDIMENTO

Consiglio di iniziare la sua preparazione due giorni  prima di servirla.

Il nome cassata deriva dalla parola araba quas'at che significa bacinella ed è proprio da qui che si deve partire.  La cassata ha la sua tipica teglia non facilmente reperibile. Essa ha un rialzo interno ed i bordi svasati che non raggiungono mai l'altezza di 5/6 cm.

In alternativa potete usarne una da 22-24 cm. di diametro ma con i bordi alti quanto detto prima.

 

IMG_20170116_162543_819

 

Eccola sopra.

  • Preparazione pan di spagna per una teglia da 24cm. di diametro.

Imburrate ed infarinate lo stampo. Accendete il forno a 170-180 gradi.

Montate le uova intere con lo zucchero ed un pizzico di sale con le fruste elettriche o in planetaria per almeno 20 minuti.  Nel frattempo aggiungete la scorza grattugiata di un limone ed 1 cucchiaino di estratto di vaniglia. Il composto finale dovrà risultare ben gonfio, di un bel colore giallo paglierino e come si dice in "gergo" dovrà scrivere. Questo vuol dire che facendo cadere un pò di impasto a filo dalla frusta dello sbattitore non deve affondare immediatamente ma restare in superficie. Se ciò non dovesse accadere vuol dire che le uova ancora non sono ancora ben montate.

Passate quindi ad incorporare manualmente la farina setacciata con una spatola. Poco alla volta e lentamente dal basso verso l'alto.

Versate l'impasto nella teglia ed infornate per circa 30 minuti. Non aprite mai lo sportello del forno prima che siano trascorsi 30 minuti, pena lo sgonfiarsi del pan di spagna. Quando i bordi appaiono ben staccati dai laterali della teglia, verificate la cottura con uno stecchino infilato al centro della torta, dovrà uscirne completamente asciutto.

Spegnete il forno e lasciate  il pan di spagna dentro per una decina di minuti con lo sportello leggermente aperto. Poi fate raffreddare su una gratella ed infine quando sarà completamente a temperatura ambiente avvolgetelo nella pellicola e mettete da parte.

Impastate la pasta di mandorle con un cucchiaino di pasta di pistacchio per renderla omogenea e colorarla di verde. Se l'impasto dovesse risultare troppo appiccicoso aggiungete un pò di zucchero a velo continuando ad impastare. Richiudete il panetto ottenuto con della pellicola da cucina e lasciatelo fuori dal frigo.

  • Preparazione crema di ricotta

 Mettete la ricotta, dopo averla zuccherata, in un colino ed avvolta in un canovaccio pulito e lasciatela sgocciolare per 24 ore.

Il giorno successivo eliminate il siero prodotto dalla ricotta e passatela al setaccio 2 volte.

IMG_20170116_162826_589

Unite poi le gocce di cioccolato, frutta candita (se volete) e rimettete in frigo.

  • Assemblaggio cassata

Tagliate il pan di spagna in tre dischi e poi a fette sottili. Rivestite la teglia con la pellicola da cucina (osservate la prima foto).

Stendete la pasta di mandorla in una sfoglia sottile e rivestite il bordo della teglia. Tagliate con un coltello affilato la pasta eccedente.

IMG_20170116_162632_417

 

Foderate il perimetro della teglia  con quadrotti o rettangoli di pan di spagna premendo bene per farli aderire alla  sagoma della tortiera e  pareggiate  i pezzetti che fuoriescono.

IMG_20170116_162725_084

Inserite adesso  al centro le fettine di pan di spagna e riempite tutta la base.

Io ho preferito sbriciolare il pan di spagna ed ho ricoperto tutta la base creando uno spessore di un centimetro e compattando bene con le mani affinchè il pan di spagna penetrasse e si modellasse dentro la scanalatura tipica della teglia. Questa scanalatura di cui parlo, una volta rigirata la cassata, sarà il contenitore della glassa e non permetterà a quest'ultima di colare e sporcare il cordone  di pasta di mandorle.

IMG_20170116_163009_025

Versate adesso la crema di ricotta all'interno della teglia e livellatela con una spatola.

IMG_20170116_162924_027

Ricoprite con un altro disco o fettine di pan di spagna a chiusura.

Sollevate i bordi della pellicola e chiudete sigillando adeguatamente. Trasferite la teglia in frigo possibilmente ponendo sopra un peso (una ciotola dello stesso diametro della teglia con dentro dell'acqua) e lasciatela tutta la notte.

Quando la cassata sarà ben compatta, tiratela fuori dal frigo e capovolgetela su un piatto di portata.

Ricoprite la superficie con la glassa di zucchero che preparerete mischiando 175 gr. di zucchero a velo, 20 gr. di albume d'uovo e il succo filtrato di mezzo limone. Esiste in commercio anche quella già pronta.

Lasciate asciugare la glassa e decorate infine la cassata con frutta candita.

 

IMG_20170116_162436_653

IMG_20170116_164409_013

Food blogger

Anna Maria Santangelo
Sono Anna Maria Santangelo ho 55 anni, impiegata, moglie e mamma di due ragazzi di 27 e 23 anni. Vivo e lavoro a Catania. Tendenzialmente timida e riservata, ho sempre amato mettermi alla prova. Da due anni a questa parte l'interesse che coltivo di più è la cucina. Prova superata? A voi la parola.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricette correlate

CIAMBELLINE

Questa ricetta me l'ha fatta conoscere mia cugina Giusy e l'ho amata subito..è una pasta briosc con cui faccio anche la rosticceria siciliana,  ma…
marmellata limoni agrumi

MARMELLATA DI LIMONI

In ogni giardino siciliano c'è almeno una pianta di limoni e questa marmellata di limoni ne contiene tutto il gusto e il profumo

CIAMBELLA ALL’ARANCIA

Ho provato la ricetta che sto per proporvi, nel periodo che non potevo mangiare latte. La mattina non sapendo cosa prendere per colazione ho…

CILIEGIE SCIROPPATE

Le ciliegie buonissime,si trovano solo in un breve periodo dell'anno,qualche volta ho comprato quelle sciroppate di una nota marca,ad un prezzo spesso esagerato,quindi mi…

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano