L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Dolci e Desserts

CROQUEMBOUCHE

13 Giugno 2016 - Visite (1047)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Alta
  • Costo
    Medio
  • Porzioni
    8
  • Cottura
  • Preparazione

Il croquembouche è un dolce di origine francese che viene di solito preparato in occasioni particolari, come battesimi, matrimoni, compleanni…

La parola “croquembouche” significa che crocca in bocca, questo perchè i bignè sono fissati l’uno all’altro con il caramello, per poter creare una piramide.

INGREDIENTI

100 gr Burro
180 gr Farina 00
375 ml Acqua
6 Uova
750 ml Latte
6 Tuorli
100 gr Zucchero semolato
Cannella
40 gr Farina 00
500 gr Zucchero semolato

PROCEDIMENTO

Per la pasta choux:

Mettete il burro e l’acqua in un tegame; fate sciogliere il burro. Non appena l’acqua inizierà a bollire
togliete il tegame dal fuoco e buttateci  la farina, precedentemente setacciata, in un solo colpo, rimettete il tegame sul fuoco mescolando energicamente con un mestolo di legno fin quando si sarà formata una palla che si staccherà dalle pareti della pentola.

Trasferite l’impasto in una ciotola e lasciatelo intiepidire.
Quando il composto precedentemente preparato si sarà raffreddato, unite le uova sbattute poco alla volta, mescolate,  facendo attenzione a non aggiungere altro uovo fin quando quello che avete messo in precedenza non sarà completamente assorbito.

Dopo aver ottenuto un impasto sodo, foderate la leccarda  con la  carta forno e, aiutandovi con il sac a poche  formate i bignè.
Cuocete  per circa 30 minuti forno statico a 180°, stando attenti al grado di doratura.
Una volta pronti, spegnete il forno e lasciate i bignè all’interno per farli seccare bene.

Per la crema:

Mettete il latte sul fuoco insieme alla bacca di vaniglia, portate a bollore.

In una ciotola a parte sbattete i tuorli con lo zucchero e la farina fino ad ottenere un composto cremoso. Togliete il latte dal fuoco, versatene una parte nella ciotola del composto di uova
zucchero e farina, aggiungete la cannella, versate di nuovo nella pentola con il restante latte
e cuocete a fuoco bassissimo fino ad ottenere una crema, che stenderete su un piano, lisciatela con una spatola e copriretela con la pellicola fino a raffreddamento.

Mettete la crema nel sac a poche e farcite i bignè.

A questo punto preparate il caramello:

prendete un tegame dal fondo spesso e versateci dentro 500 g di zucchero:
ponetelo sul fuoco a fiamma moderata e, mescolando, fatelo sciogliere finchè non raggiunga un bel colore ambrato tipico del caramello.
Toglietelo dal fuoco e cominciate a formare la piramide, intingendo i bignè, in questo modo saranno croccanti e renderanno la piramide salda.
Quando avrete finito di montare il Croquembouche, prendete due forchette, poggiatele dorso contro dorso, ed intingete le punte nel caramello piuttosto denso; alzandole dal tegame noterete che si formeranno dei fili sottili con i quali dovrete decorare il Croquembouche a vostro piacimento.

CONSIGLI DELLO CHEF

Essendo un dolce francese, il mio consiglio èdi abbinarlo ad un vino dolce dei nostri cugini d'oltralpe.

Food blogger

MARINA BIRRI
Mi chiamo Marina e sono di Roma, una laurea in giurisprudenza ma mai fatto l'avvocato, due figli... la mia vita, tre cani... i miei amori; due grandi passioni: la lettura e la cucina. Cucinare è passione, sperimentazione, creatività, fantasia, rivisitazione: creare un piatto è un atto d'amore da regalare a chi lo assaggerà ... mi auguro di riuscire a trasmettere tutto questo attraverso le mie ricette!

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Ricette correlate

TORTA NOCCIOLE E MANDORLE

Ho sempre considerato le torte più semplici le più buone, delicate e familiari. Mi piacciono molto le mandorle e le nocciole e quando per…

ERICINE PASTAFROLLA E CREMA

Ciao a tutti, la prima volta che ho assaggiato questi dolcetti mi trovavo vicino Erice un delizioso comune in provincia di Trapani, ecco perché…

CRUST PIE

Il vantaggio di queste torte è di non dover impastare nulla, a meno che non vogliate fare da voi la briseè....

SCURSUNERA (GELATO AL GELSOMINO)

I primi degustatori della granita di scursunera furono gli arabi che,usarono la neve delle "nivere"di montagna per farne sorbetti, i siciliani ne fecero tesoro…

CUORI DI FROLLA ALLA VANIGLIA

Una frolla versatile,si può usare sia per i biscotti che per le crostate,non spacca ne gonfia! ma rimane morbida e friabile.      …

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano