L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Piatti unici

RICOTTA

13 Novembre 2016 - Visite (634)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Media
  • Costo
    Basso
  • Porzioni
    1
  • Cottura
  • Preparazione

La ricotta, principalmente è nota sopratutto per l' abbinamento con i cannoli,ma nella provincia di Ragusa è il latticino più utilizzato non solo dalle pasticcerie, ma anche dalle rosticcerie e dalle massaie. L'usanza più comune in questa provincia è quella di andare nelle masserie o agriturismi e gustarla calda.Viene servita in scodelle capienti con il siero,accompagnata dal pane casereccio.

INGREDIENTI

1 litri Latte fresco
10 litri Siero di latte
3 cucchiaio Sale grosso

PROCEDIMENTO

Dal processo della tuma, prelevare il siero, ( far si di avere sempre la proporzione giusta tra siero e latte: ogni 10 lt. serve 1 lt. di latte ), portare a temperatura di 65 °,aggiungere il sale ,mescolare e raggiunta la temperatura di 70° , aggiungere il latte , mescolare e fare arrivare la temperatura tra 90°/ 92° per ottenere la ricotta.

Spegnere e aspettare qualche minuto per farla compattare.Travasarla nelle fuscelle o in ciotole capienti per gustarla calda.

P1030832

P1030833

P1030811

P1030812

P1030816

P1030819

P1030824

P1030831

CONSIGLI DELLO CHEF

E'  importante  la giusta quantità di latte in rapporto al siero,come spiegato nel procedimento il rapporto è di 1/10 di latte ogni litro di siero. La ricotta tende a depositarsi sul fondo e in certi casi ,1 minuto prima di spegnere il gas ,si può mettere ,su 10 litri di siero ,50 ml. circa di acqua con 1/4 di limone spremuto,mescolando delicatamente.

La ricotta una volta fredda va conservata in frigo coprendo la parte superiore con un po' di carta forno ed eliminando tutto il siero in eccesso.

Food blogger

Lauretta Corrado
Salve,sono Corrado,nato e cresciuto a Modica,da qualche anno mi sono trasferito ad Alba (cn)dove lavoro come operaio specializzato in Ferrero occupandomi dell' Estathè in bicchiere.Ho portato con me oltre la passione, che ho da tanti anni, di cucinare, anche le antiche ricette tramandate da generazione.La mia è una cucina amatoriale, che si basa principalmente su tutto cio' che di buono possa offrire l'arte culinaria della Contea di Modica ( e non solo )una cucina povera ma ricca di gusto, e tramite i blog e i social sto condividendo questa mia passione.

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricette correlate

Frittella di fave piselli e carciofi

FRITTELLA DI FAVE PISELLI E CARCIOFI

La ricetta della Frittella di fave piselli e carciofi (detta anche Frittedda) è una ricetta tipica siciliana del periodo primaverile (marzo - aprile). Ma…
Carciofi imbottiti con salsa di pomodoro

CARCIOFI IMBOTTITI

I Carciofi imbottiti sono piatto tipico palermitano, in gergo palermitano vengono chiamati anche "Cacuocciuli cú tappu".  (Carciofi con il tappo). Il loro nome deriva…

SFOGLIA PER RUSTICI

La sfoglia per poter preparare principalmente  le "Scacce" ma viene utilizzata anche per le "Impanate, Pastizza e Buccati" .

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano