L’unico e vero Cuor di Cucina dal 2013 con voi

Antipasti

TARALLINI AL VINO

5 Febbraio 2017 - Visite (240)

Condividi con:

  • Difficoltà
    Bassa
  • Costo
    Basso
  • Porzioni
    20
  • Cottura
  • Preparazione

Quando è cominciata la mia avventura con il lievito madre ,tra i primi pasticci  che ho fatto, sono stati proprio questi tarallini... all'inizio non dovevo avere fretta , dovevo far maturare per bene il lievito che avevo fatto da me, ma gli esuberi potevano essere utilizzati....così  dopo la prima volta, i tarallini  sono diventati un must di casa mia, tanto buoni che anche se non ho esuberi da smaltire aggiustando le dosi  li realizzo per accompagnare un aperitivo o semplicemente uno stuzzichino spezza-fame

INGREDIENTI

200 gr Farina tipo 0
100 gr Farina di semola
100 gr Esubero lievito madre
100 ml Vino bianco
80 ml Olio extravergine di oliva
8 gr Sale
q.b. Semi di finocchio

PROCEDIMENTO

Le dosi riportate sopra sono per la realizzazione dei tarallini con esubero di lievito madre , in alternativa li  potete realizzare con queste dosi

200 g farina 0

100 g farina di semola

sale 7 g

olio di oliva extravergine 75g

vino 90g

semi di finocchio qb

In questo  caso si procede impastando il tutto,ottenere un panetto sodo ed omogeneo, tenerlo 20 minuti a riposo sotto canovaccio per evitare che si secchi,dare forma, (  per il passo passo  vedere sotto)

procedimento  con esubero

In una ciotola si fa sciogliere l'esubero nel vino

aggiungere l'olio

e poco per volta metà della farina

aggiunger il sale e continuare con la farina

 i semi di finocchio

continuare con tutta la farina fino ad usarla tutta

fare una palla e metterla a riposare una ventina di minuti coperta

riprendere l'impasto, formare i tarallini, staccando vari pezzi dell'impasto,arrotolarli formando dei bastoncini che tagliati 6/7 cm  si darà la forma tipica ad anellino unendo le estremità

infornare a 200° in forno ventilato 15 minuti ,abbassare temperatura a 180° ,rigirarli e cuocere altri 10 /15 minuti fino a doratura

 

 

 

 

CONSIGLI DELLO CHEF

Potete dare anche altre forme ,intrecciare come più vi piace e usare in alternativa dei semi di finocchio altri tipi di aromi come erba cipollina,pepe,paprika,semi di sesamo,peperoncino

Food blogger

Maria Concetta Todaro
Maria Concetta Todaro è una moglie, mamma e nonna .Ho tanti hobby ma quello che mi appassiona maggiormente è cucinare,perchè credo che cosa più bella non ci sia che ritrovarsi attorno un tavolo .Stare insieme a tavola è uno dei modi migliori per socializzare, perché il pasto è una pausa dagli impegni, nella quale ci si può concentrare su quello che si mangia, ma anche sulla compagnia di chi condivide con noi questo momento:infatti, la tavola non è solo il posto dove ci si nutre ma è soprattutto un luogo di condivisione, di aggregazione e di scambio di emozioni.Seguendo questa filosofia metto tanto amore in tutto quello che preparo ,amore che si concretizza quando leggo la soddisfazione dei commensali....spero che dal mio tavolo questo amore possa giungere al vostro in una unica tavolata ideale di gusto, sapori ed emozioni.

Condividi questa ricetta se ti è piaciuta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Ricette correlate

PARMIGIANA FREDDA DI ZUCCA FRITTA

In autunno le nostre tavole si colorano di arancione con la zucca! Ecco l'occasione per preparare questa ricetta: parmigiana fredda di zucca fritta. Ottima…

SARDE A BECCAFICO ALLA PALERMITANA

Le sarde a beccafico sono un secondo piatto nato in Sicilia, che all'occorrenza può trasformarsi in antipasto per un menù di pesce più elaborato…

SFORMATO DI MELANZANE

Non è una ricetta sfuotafrigo, ma è una ricetta pensata in un modo e finita in un altro. Il risultato ottimo e il suo…

Diventare Food Blogger non è mai stato così facile

PROMUOVI I TUOI PRODOTTI

Seguici anche su

Tante ricette ti aspettano